The International Propeller Club Port of Trieste

The International Propeller Club Port of Trieste

feb 27

News dai Soci

Canale di Suez: storia, attualità e futuro

Propeller Club Port of Trieste

Lo scorso anno sono stati celebrati i 15 0 anni di storia del Canale di Suez, formidabile opera ingegneristica che taglia l’istmo omonimo e mette in collegamento l'omonimo golfo con il Mediterraneo
Lungo 193 chilometri, il canale fu studiato già dai Veneziani nel XVI secolo ma fu poi realizzato dal francese Ferdinand de Lesseps (1805 94) su progetto del triestino Luigi Negrelli (1799 1858) e inaugurato nel Novembre del 1869.Un altro triestino, sta volta acquisito perché di nascita veneziana, ebbe un ruolo fondamentale nella realizzazione del progetto. Il barone Pasquale Revoltella, infatti, fu da subito convinto che il canale di Suez fosse di primaria importanza per lo sviluppo commerciale ed economico del porto di Trieste. Per la sua attività a favore del progetto, il governo austriaco lo nominò suo rappresentante nel consiglio di amministrazione della Compagnie Universelle du Canal Maritime de Suez, della quale divenne poi vicepresidente. Fin qui la storia meno recente, mentre le lotte, anche armate, per il controllo del canale a testimonianza della sua importanza strategica, hanno attraversato alcuni decenni del secolo scorso. E' dell'Agosto del 2015, invece, la novità più importante per questa via d'acqua che permette di navigare dal Far Ea st all Europa (e viceversa) senza circumnavigare l’Africa dovendo così doppiare il Capo di Buona Speranza. In quella data, infatti, si sono conclusi i lavori per il raddoppio di una parte del canale.
Grazie a questo ampliamento è , oggi, di 9 7 navi, senza limiti di dimensione, la capacità quotidiana di transito lungo il canale mentre prima era di 49. Nel 2019 sono transitate nel canale di Suez 18.880 navi trasportando oltre un miliardo di tonnellate di merci (circa il 10% del traffico mondiale e d è da considerare che una moderna nave portacontainer può arrivare a pagare, per il transito del Canale, anche 300.000 USD. Contemporaneamente ai lavori sul canale, sono stati realizzati in quell'occasione anche nuove arterie stradali e ferroviarie, nonché l’ampliamento e la costruzione di 5 porti commerciali
nell’area di Port Said. Ma quanto ha influito sui traffici commerciali l'ampliamento del Canale di Suez
e, in particolare per quelli diretti provenienti al/ dal Nord Adriatico ed il Porto di Trieste
Quanto sono realistiche le ipotesi di rotte marittime alternative , quali la rotta Artica ad esempio, per collegare Europa e d Estremo Oriente
Quali sono le criticità di questo passaggio fondamentale per i traffici internazionali e quali, per i traffici internazionali e quali, invece le prospettive di sviluppo?
Alcuni studi, analizzando l'aumento di traffico, hanno sostenuto che il raddoppio del Canale di Suez abbia fatto aumentare la centralità  del Mediterraneo nell’ambito del commercio mondiale.
Ponendo però nuove sfide anche nell'ambito della riedizione della Via della seta, e fortemente voluta dalla Cina.
Di tutto quanto precede si parlerà durante l’incontro del Propeller Club Port of Trieste:

Canale di Suez: storia, attualità e futuro

relatori :
Aldo Rampati Storico
Giulio Mellinato Università di Milano-Bicocca
Vittorio Torbianelli AdSP MAO – Relazioni Internazionali
Pietro Busan Amm.re Del.to Ag. Mar.ma Tarabochia – Trieste.

Moderatore dell’incontro il giornalista Riccardo CORETTI.

L’appuntamento, Giovedì 27 Febbraio alle ore 18.30, è alla PICCOLA FENICE, 
 

per info: propellerclubts@gmail.com